Come Collegare Cavo Midi alla Tastiera del Pc

Il Midi è un protocollo nato nel 1986 circa che serve per la trasmissione di dati in formato binario 0 e 1 (su cui si basano i computer) tra due o più macchine, in modo tale che interagiscano tra loro. In questa guida ti spiego come collegare una tastiera musicale o no, ad un pc attraverso un cavo midi.

Per prima cosa, acquista il cavo Midi, normalmente in vendita come interfaccia Midi. Questo è formato da un lato con due spinotti a vari poli In e Out, mentre dall’alto lato, da un collegamento Usb. Tra i due capi del cavo, è presente un trasduttore di segnale che permette di inviare e ricevere dati.

Adesso posiziona il tuo computer vicino una tastiera musicale o qualsiasi altro strumento che abbia gli ingressi e le uscite Midi. Nel tuo strumento, generalmente nel retro, sono presenti i punti di collegamento midi. Potresti averne tre: In, Out e Thru. L’interfaccia in vendita è formato da due: uno per inviare dati midi e l’altro per riceverli.

Inserisci In su In e Out su Out, quindi inserisci anche il cavo usb nel tuo computer. Accendi per prima cosa il computer e aspetta che si auto installino i driver dell’interfaccia midi. Fatto questo, accendi lo strumento Midi, quindi apri un programma che gestisce dati midi, come Basco’s, Finale etc. Setta i parametri di configurazione.

Approfondisci

Come Collegare Pc al Televisore

La possibilità “nativa” di poter collegare il proprio portatile al televisore è un vantaggio che in pochi possiedono, infatti occorre avere un portatile che possieda un uscita s-video (o simili) preinstallata. Tuttavia grazie a questa guida vedremo com’è possibile collegare qualsiasi computer(portatile e non) in commercio al proprio televisore, poiché il metodo esposto richiede l’utilizzo della comunissima porta VGA che è immancabile in ogni pc.

In rete sono molteplici i venditori che promettono di collegare il pc (portatile e fisso) al televisore attraverso un semplice adattatore VGA – AV, tuttavia questi “aggeggi” di dubbia provenienza la maggior parte delle volte si rivelano inutili e il motivo è presto detto: il segnale in uscita dal pc attraverso la porta “VGA” ha una codifica differente da quello richiesto dal televisore attraverso l’ingresso AV, perciò per collegare i due dispositivi occorre un apparecchio che converta il segnale proveniente dal pc in un segnale accettato dal televisore, abbiamo quindi bisogno di un convertitore! Il convertitore proposto in questa guida è facilmente acquistabile online tramite ebay, basta cercare “PC VGA to AV converter” e cercarne uno simile a quello raffigurato in figura. Il costo non supera i 15-20€.

Una volta acquistato e ricevuto il convertitore al suo interno troveremo: il convertitore, un cavo VGA, un cavo video RCA, un cavo S-video e il cavo di alimentazione del convertitore che si alimenta tramite la porta USB del pc. L’installazione è puramente hardware, non è necessario perciò configurare o installare alcun programma. Procediamo quindi con l’installazione. Collegate un’estremità del cavo VGA al portatile (o fisso).

L’altra estremità collegatela alla porta situata sul lato “corto” del convertitore che troverete sotto la dicitura “IN”. Collegate ora il convertitore al televisore utilizzando il cavo S-video, se il vostro televisore non possiede tale porta utilizzate il classico cavo video RCA giallo. Nel caso in cui il vostro televisore sia sprovvisto della porta S-video e degli spinotti RCA non dovete far altro che acquistare un adattatore scart-RCA e procedere con il collegamento.

Collegate ora il cavo di alimentazione al convertitore e al pc attraverso la porta USB. A questo punto il video è collegato al televisore, non resta che collegare l’audio attraverso un semplice cavo “jack – RCA audio” utilizzando l’uscita cuffie del PC e i due ingressi audio (rosso e bianco) RCA del televisore. Dal pc abilitate il secondo monitor, che in genere, è denominato come ‘proiettore’. Selezionate invece sul televisore l’ingresso AV. Potrete utilizzare ora il vostro televisore come monitor del pc.

Approfondisci

Come Utilizzare uno Smartphone come Ripetitore WiFi

Se volete sapere come utilizzare il vostro smartphone come ripetitore wifi,seguite questa guida.

I più moderni smartphone ormai tendono sempre di più ad assomigliare a dei veri e proprio computer grazie alle prestazioni elevate offerte dal processore e dalla memoria ram e dalla memoria grafica…

Tra le numerose funzioni che è possibile svolgere grazie alle applicazioni presenti nel google play (il vecchio market) ci si dimentica spesso che android è comunque un sistema operativo pieno di risorse.

Infatti tutti i dispositivi che montano il sistema operativo open source android, che permettono la connessione ad internet tramite wifi, permettono nativamente la modalità di condivisione tethering wifi
Questa impostazione non è nient’altro che la possibilità di poter condividere, con altri dispositivi , la connessione ad internet con cui il nostro smartphone, o tablet, android è connesso alla rete…

Questa opzione permette quindi di utilizzare il nostro smartphone come un costoso ripetitore wifi. Per accedere all’impostazione basta andare in impostazioni – connettività – wifi e spuntare la voce tethering wifi.

A questo punto ci verrà chiesto come vogliamo chiamare la nuova connessione…mettiamo un nome qualunque… Adesso accendiamo il wifi del dispositivo con cui abbiamo intenzione di accedere ad internet.

Eseguiamo la ricerca delle reti e selezioniamo quella appena creata con il smartphone.A questo punto non ci resta che connetterci alla rete inserire la password (se ne è stata impostata una )e goderci il nostro nuovo ripetitore wifi.

Attenzione… se si connettono troppi dispositivi e si lascia acceso per troppo tempo il wifi, il telefono comincia a scaldarsi e quindi è meglio farlo riposare un pochino se questo accade. Spero di esservi stato utile.

Approfondisci

Come Collegare Mac a Stampante di Rete Windows

Se avete una stampante che viene condivisa per stampare da più computerr Widows, e volete che anche un computer Mac si connetta ad essa (sempre tramite la stessa rete), questa guida fa per voi. Seguite la guida e il vostro Mac stamperà da rete Windows.

Prima di tutto devi prendere un foglio per annotarti alcune informazioni. Vai su un computer Windows già collegato alla rete domestica. Clicca su “start”, poi su “pannello di controllo”, scegli “sistema e sicurezza”, ed infine “sistema”. Da qui, devi annotarti 3 cose: il nome del computer; il nome del “gruppo di lavoro”; il tuo nome utente dell’account Windows.

Ora devi collegare la stampante ad un computer Windows. Per una questione di sicurezza, è meglio che questo computer abbia una password utente. Nel caso non sia così provvedi ad aggiungerla (e segnatela nel foglio del passo numero 1. Ora devi far si che la stampante venga condivisa in rete: vai su “start” e scegli “dispositivi e stampanti”.

Da “dispositivi e stampanti” scegli la stampante da condividere, cliccaci su col tasto destro del mouse, e scegli “proprietà stampante”, poi “condivisione”, ed infine “condividi stampante”. Ti verrà chiesto ora di scegliere un “nome di condivisione”. Sul foglio del passo 1 annotati anche questo “nome di condivisione”.

Ora passa al computer Mac. Vai su “preferenze di sistema”, poi su “stampa e fax”. ui devi aggiungere una stampante cliccando su ” “. Apparirà una finestra. Ora tenendo pigiato il tasto ctrl, clicca sulla parte alta della finestra. Ora vai su “personalizza barra strumenti” e aggiungi il “menu avanzato”.

Dal menu avanzato, vai su “etichetta tipo” e scegli “windows”, poi “dispositivo”, ed infine “un altro dispositivo”. Ora recupera il foglio con i dati raccolti nei passi precedenti. Posizionati nel campo url e scrivi: smb://”nome utente”: “password”@”gruppo di lavoro”/”nome del computer”/”nome di condivisione”.

Scegli il nome che la stampante avrà sul computer Mac e inseriscilo sotto “etichetta nome”. Nel campo “stampa con” scegli “seleziona software stampante” e scegli la tua stampante. Quando tutto è completato, clicca su “aggiungi”. A questo punto, il tuo Mac è collegato con la stampante sulla rete Windows.

Approfondisci

Come Collegare un Impianto 5.1 al Pc

Il PC diventa sempre più una postazione multimediale. Al Pc si guardano i film, al Pc si gioca, al Pc si ascolta la musica. Per ottimizzare al massimo l’audio e godere di un audio tridimensionale è sufficiente eseguire semplici operazioni, collegando un kit 5.1 al computer. Seguendo questa guida riuscirai a fare il tutto velocemente.

La prima cosa che devi fare in assoluto è disporre le casse in modo che esse diano il meglio. A questo scopo devi seguire semplicissime regole. Poniti al centro della stanza, e fai finta che la tua posizione corrisponda esattamente al centro di una circonferenza. Il tuo pc si deve trovare proprio davanti a te.

Quindi, il diffusore centrale ti si trova difronte. I 2 diffusori frontali devi posizionarli sempre frontalmente a te ma con un angolazione di circa 30° rispetto alla linea immaginaria che unisce te ed il diffusore centrale (naturalmente l’uno a destra e l’altro a sinistra rispetto a quest’ultimo). Prendendo sempre questa linea come riferimento, poni a circa 110°, e quindi alle tue spalle, i 2 diffusori posteriori. Per quanto riguarda il subwoofer collocalo tranquillamente sul pavimento, distante dalla parete, e abbastanza vicino alla postazione del pc (lateralmente è perfetto)

Una volta posizionate le casse secondo questo schema, preparati per il collegamento al PC. Ogni cassa è naturalmente dotata di un cavo con connettore RCA che devi collegare al subwoofer. Collega inoltre l’alimentatore di corrente. Dal subwoofer dipartono 3 fili con connettori jack, che dovrai collegare alle uscite della scheda audio del PC: il cavo nero alle casse posteriori, l’arancione al subwoofer ed al canale centrale ed il verde con le casse frontali. Effettua la prova e nota come ti sentirai quasi avvolto dal suono.

Approfondisci