Come Proteggere la Propria Carta di Credito

Basta una semplice “strisciata” ed il gioco e’ fatto. Infatti in soli pochi secondi i dati della nostra carta di credito possono essere copiati da malviventi su un nuovo supporto, ovviamente falso. In questa guida quindi parlerò di come i consumatori possono difendersi dalle truffe effettuate tramite le carte di credito clonate, e come poter correre ai ripari prima che sia troppo tardi.

Uno dei vari metodi che usano i truffatori e’ quello dello skimmer, cioé una cornice applicata alla fessura del bancomat che legge carta e dati personali. Naturalmente il malvivente ha bisogno anche del pin e puo’ quindi utilizzare anche una microcamera nascosta, oppure una finta tastiera per rubare il codice.

Per fortuna anche le banche si stanno muovendo per arginare questo fenomeno diffondendo macchine bancomat che rilevano le manomissioni. Anche le carte di credito naturalmente stanno diventando più innovative perché dotate di un chip che consente di avere una tracciabilità dei movimenti.

Risulta essere utile attivare il servizio di allerta tramite SMS che consente di ricevere direttamente sul cellulare tutti i dettagli di pagamento effettuati con la propria carta. Ormai è un servizio a cui possono accedere tutti.

Risulta essere importante anche controllare attentamente di volta in volta gli estratti conto. In questo modo che se ci sono transazioni che non ricordate di aver eseguito potete contattare la banca che vi ha rilasciato la carta.

Ogni volta che effettuate un prelievo o altre operazioni al bancomat controllate sempre che non ci siano piccole telecamere a spiarvi oppure altri segni di manomissione. Attenzione anche se notate la tastiera più spessa.

Mentre digitate il codice controllate che non ci sia nessuno dietro di voi che vi osserva. Cercate di digitare i numeri coprendo la tastiera con la mano; se la carta si inceppa diffidate di chi vi offre aiuto ma rivolgetevi alla banca.

Se non si utilizza la carta, è sempre possibile disdirla seguendo questa guida presente su Claudiosacchetto.com in modo da non correre rischi.

Approfondisci

Come Aumentare Velocità di Download

Hai lasciato il tuo PC acceso tutta la notte sperando di trovare il giorno dopo quel film che tanto speravi di scaricare ma, andando a dare un’occhiata allo schermo del tuo dispositivo, ti sei accorto che non è nemmeno a metà e che ci vorranno ore ed ore per terminare. Lo so, avere i download lentissimi non è una gran cosa, ma forse posso trovare una soluzione che faccia al caso tuo.

Di rimedi naturali o non che riescano a velocizzare lo scaricamento dei file non ne esistono, dato che se i download vanno lenti è colpa della connessione, del computer o del sito o software che stai usando. Ma seguendo qualche buona direttiva riuscirai finalmente a scoprire come aumentare la velocità di download in maniera alquanto interessante, così sarai in grado di ottenere quel film che tanto desideravi in un attimo!

Il metodo migliore per aumentare la velocità di download è quello di utilizzare un download manager esterno che gestisca i nostri file, piuttosto che utilizzare quello integrato al browser. Il principale programma di questa categoria si chiama Free Download Manager e lo puoi scaricare da FreeDownloadManager.org (sono disponibili tante versioni ma è consigliabile cliccare sul primo pulsante).

Una volta che hai installato questo software fai clic sul tasto + o trascina il file che intendi scaricare nel riquadro blu. In questa maniera aggiungerai il file in coda nel download manager per scaricarlo al massimo della velocità. Con Free Download Manager è possibile anche integrare i file che vengono messi in coda nei software di peer to peer come eMule e uTorrent. Provalo e fammi sapere se velocizzi o meno i tuoi download.

Approfondisci

Come Collegare Cavo Midi alla Tastiera del Pc

Il Midi è un protocollo nato nel 1986 circa che serve per la trasmissione di dati in formato binario 0 e 1 (su cui si basano i computer) tra due o più macchine, in modo tale che interagiscano tra loro. In questa guida ti spiego come collegare una tastiera musicale o no, ad un pc attraverso un cavo midi.

Per prima cosa, acquista il cavo Midi, normalmente in vendita come interfaccia Midi. Questo è formato da un lato con due spinotti a vari poli In e Out, mentre dall’alto lato, da un collegamento Usb. Tra i due capi del cavo, è presente un trasduttore di segnale che permette di inviare e ricevere dati.

Adesso posiziona il tuo computer vicino una tastiera musicale o qualsiasi altro strumento che abbia gli ingressi e le uscite Midi. Nel tuo strumento, generalmente nel retro, sono presenti i punti di collegamento midi. Potresti averne tre: In, Out e Thru. L’interfaccia in vendita è formato da due: uno per inviare dati midi e l’altro per riceverli.

Inserisci In su In e Out su Out, quindi inserisci anche il cavo usb nel tuo computer. Accendi per prima cosa il computer e aspetta che si auto installino i driver dell’interfaccia midi. Fatto questo, accendi lo strumento Midi, quindi apri un programma che gestisce dati midi, come Basco’s, Finale etc. Setta i parametri di configurazione.

Approfondisci

Come Collegare Pc al Televisore

La possibilità “nativa” di poter collegare il proprio portatile al televisore è un vantaggio che in pochi possiedono, infatti occorre avere un portatile che possieda un uscita s-video (o simili) preinstallata. Tuttavia grazie a questa guida vedremo com’è possibile collegare qualsiasi computer(portatile e non) in commercio al proprio televisore, poiché il metodo esposto richiede l’utilizzo della comunissima porta VGA che è immancabile in ogni pc.

In rete sono molteplici i venditori che promettono di collegare il pc (portatile e fisso) al televisore attraverso un semplice adattatore VGA – AV, tuttavia questi “aggeggi” di dubbia provenienza la maggior parte delle volte si rivelano inutili e il motivo è presto detto: il segnale in uscita dal pc attraverso la porta “VGA” ha una codifica differente da quello richiesto dal televisore attraverso l’ingresso AV, perciò per collegare i due dispositivi occorre un apparecchio che converta il segnale proveniente dal pc in un segnale accettato dal televisore, abbiamo quindi bisogno di un convertitore! Il convertitore proposto in questa guida è facilmente acquistabile online tramite ebay, basta cercare “PC VGA to AV converter” e cercarne uno simile a quello raffigurato in figura. Il costo non supera i 15-20€.

Una volta acquistato e ricevuto il convertitore al suo interno troveremo: il convertitore, un cavo VGA, un cavo video RCA, un cavo S-video e il cavo di alimentazione del convertitore che si alimenta tramite la porta USB del pc. L’installazione è puramente hardware, non è necessario perciò configurare o installare alcun programma. Procediamo quindi con l’installazione. Collegate un’estremità del cavo VGA al portatile (o fisso).

L’altra estremità collegatela alla porta situata sul lato “corto” del convertitore che troverete sotto la dicitura “IN”. Collegate ora il convertitore al televisore utilizzando il cavo S-video, se il vostro televisore non possiede tale porta utilizzate il classico cavo video RCA giallo. Nel caso in cui il vostro televisore sia sprovvisto della porta S-video e degli spinotti RCA non dovete far altro che acquistare un adattatore scart-RCA e procedere con il collegamento.

Collegate ora il cavo di alimentazione al convertitore e al pc attraverso la porta USB. A questo punto il video è collegato al televisore, non resta che collegare l’audio attraverso un semplice cavo “jack – RCA audio” utilizzando l’uscita cuffie del PC e i due ingressi audio (rosso e bianco) RCA del televisore. Dal pc abilitate il secondo monitor, che in genere, è denominato come ‘proiettore’. Selezionate invece sul televisore l’ingresso AV. Potrete utilizzare ora il vostro televisore come monitor del pc.

Approfondisci

Come Aumentare la Ram

La memoria RAM è uno dei componenti maggiormente importanti in un computer. Più essa sarà grande, più il tuo dispositivo sarà in grado di far girare tante applicazioni nello stesso momento. Inoltre, se la tua RAM è molto grande sarai anche in grado di usufruire di una serie di software di fotografia, foto editing, di video e così via senza intoppi o errori vari.

Il problema è che fin troppo spesso bisogna spendere parecchi soldi per riuscire ad ingrandire la memoria. Ma oggi ti mostrerò un’ottima guida che ti permette di vedere come aumentare la RAM senza tirar fuori fin troppo denaro dal tuo portafogli. In un attimo riuscirai a velocizzare notevolmente il tuo PC che ti sembrerà di averne uno tutto nuovo tra le mani!

Per riuscire ad aumentare la RAM su computer fissi devi prima capire qual è la memoria giusta del dispositivo. Per riuscirci scarica il programma Cpu Z, avvialo tramite la sua icona e recati nella sezione Memory. Ora appariranno una lista di valori, ma quelli di cui devi tener conto sono tipologia della RAM e frequenza.

Fatto ciò, non devi far altro che recarti su siti in cui è possibile comprare questi dispositivi di elettronica (come ad esempio Amazon) e ricercare la parola “ram”. Ovviamente dovrai guardare solamente dei banchi di memoria che hanno le stesse identiche caratteristiche di quelli che già possiedi nel tuo computer, ma con una memoria decisamente maggiore.

Quando hai acquistato la memoria RAM che ti interessa sei pronto ad inserirla nel computer fisso. Quindi, stacca il cavo dell’alimentazione e svita le viti che trovi a destra e sinistra del case del PC rimuovendo la parte laterale. Trova lo slot che si riferisce alla RAM e vedi se accanto ad esso ci sono degli altri slot liberi in cui inserire quello che hai appena comprato da Amazon.

Se ci sono questi slot liberi l’inserimento richiede pochi secondi, mentre se sono tutti occupati provvedi a spostare la memoria originale tramite le alette bianche ed inserisci la nuova. Per vedere se il tutto è andato a buon fine premi su Start, apri la voce Computer e premi con il tasto destro del mouse scegliendo Proprietà. Tra i vari dettagli troverai anche quelli che si riferiscono alla RAM.

Per quanto concerne i computer portatili la procedura è decisamente diversa e più difficile, in quanto ogni dispositivo richiede una procedura diversa. Un’eccezione viene rappresentata dai MacBook Pro, dato che devi solo svitare il pannello il pannello posteriore del PC, togliere la memoria originale ed inserire quella che hai acquistato poco fa.

Approfondisci